Videoinfo@gammaimpianti.com+39 0114502031

18 ottobre 2016

In Italia secondo l’ultima indagine Istat lavorano più di un milione di saldatori a tempo pieno e un gran numero di lavoratori che occasionalmente eseguono lavori di saldatura tecnica, tutti esposti a diversi rischi sanitari, tra cui fumi di saldatura, polveri, vapori e gas.

E’ infatti noto che durante il processo di saldatura dei metalli, a seconda della tecnica messa in atto, si generano fumi, polveri e gas contenenti decine di diverse sostanze chimiche e nocive, prodotte dallo stesso materiale lavorato che rimane sospeso nell’aria sotto forma di particelle metalliche o derivati del metallo (per esempio ossidi), materiali d’apporto (elettrodi, elettrodi a bacchetta, piombo, polvere per saldatura, ecc.) oppure queste vengono asportate dalla ricopertura come vernici, rivestimenti e detergenti.

 

Quanto fumo di saldatura genera ogni diverso processo?

La quantità di fumi generata e la loro pericolosità dipendono da diverse variabili, tutte ben conosciute da ogni esperto saldatore:

  • il tipo di elettrodo, il diametro del filo, la portata del gas e la sua composizione;
  • ovviamente la tecnica di saldatura adottata ed i suoi setup tecnici come intensità e tensione;
  • il tipo di rivestimento, lo spessore e la composizione e molto spesso la presenza di sostanze che ricoprono le lamiere.

Il rischio per la salute è particolarmente alto durante la saldatura degli acciai inossidabili a causa della presenza di alcuni metalli di transizione, come Cromo, Nichel, Molibdeno e Manganese, che producono nei fumi di saldatura i metalli ed i composti ossidati pericolosissimi per la salute.

Seri rischi per le persone

L’esposizione continua ai fumi di saldatura può causare numerosi problemi agli operatori perchè quando vengono inalati, sono assorbiti attraverso i polmoni nel sangue, nelle cellule nervose del cervello, nel midollo spinale ed in altri importanti organi, causando gravi effetti sulla salute a breve che a lungo termine.

Fumi di saldatura rischi per la salute lavoratore

 

Aspirazione efficace in funzione del tipo di lavoro

Tutti i rischi evidenziati in precedenza possono essere ridotti drasticamente utilizzando i giusti sistemi di aspirazione e filtrazione quando necessario. Ogni saldatore esperto sa che il modo più efficiente per controllare i fumi di saldatura è di catturarli alla fonte, il più vicino possibile alla sorgente di emissione prima che essi attraversino la zona di respirazione dei lavoratori o che si disperdano nell’ambiente di lavoro, come si vede nel video sotto

 

Queste tecniche di aspirazione tra l’altro richiedono portate d’aria di molto inferiori rispetto alla generale ventilazione dei locali con conseguenti costi di gestione meno elevati anche se con superiori costi di investimento iniziale. La ventilazione locale deve essere ritenuta prioritaria in tutti i casi e in particolare quando inquinanti pericolosi siano emessi in quantità notevoli.

Il calcolo delle portate necessarie, per i vari tipi di impianti di aspirazione localizzata, deve essere effettuato considerando le corrette velocità di captazione alla sorgente altrimenti il sistema sarà poco efficace.
La scelta del sistema di aspirazione viene effettuata insieme al nostro ufficio tecnico soprattutto in funzione delle dimensioni dei pezzi e delle necessità produttive.

 

Esempi di sistemi a captazione localizzata

Braccio aspirante, singolo o inserito in impianto centralizzatoBanco aspirante con piano aspirantee pareti di contenimento o braccio di aspirazioneDepuratore portatile con grado di filtrazione HEPA 99,95% e carboni attivi
Impianto aspirazione fumi di saldatura centralizzato, braccio aspirante con prolunga a bandieraBanco aspirante per fumi e polveri molatura con ventilatore e filtri integratifumi e polveri di saldatura aspirazione con filtro carrellato
VANTAGGI
– Permette il lavoro in postazione non definita
– Captazione vicino alla sorgente
– Portata ridotta
VANTAGGI
– Captazione senza intervento del saldatore
– Il piano di lavoro facilita le operazioni
VANTAGGI
– Consente di raggiungere svariati punti di saldatura
– Captazione vicino alla sorgente
– Portata ridotta

 

Le cabine di saldatura, dotate di parete aspirante e tunnel di contenimento,  sono invece tipici esempi di sistemi a captazione non localizzata ma che sfruttano la ventilazione dell’area di lavoro, da utilizzare nel caso in cui le dimensioni dei pezzi da saldare rendano impossibile usare sistemi localizzati.

 

cabina di aspirazione e filtrazione per molatura sbavatura saldatura con tunnel estensibile telescopico

Schema cabina di saldatura e molatura sbavatura saldatura con tunnel estensibile telescopico

Cabina di molatura, Cabina di saldatura chiusa

cabina con tunnel chiuso e vista sulla parete aspirante

VANTAGGI

  • Ventilazione efficace
  • Captazione senza intervento del saldatore
  • Ottimo isolamento della zona

Infine, è fondamentale conoscere l’applicazione e valutare i propri bisogni per la sicurezza

Ricordate che il tipo di impianto aspirazione fumi di saldatura, l’eventuale filtrazione e le protezioni personali dipendono dal tipo di materiale che state lavorando, dalle tecniche di saldatura e dal layout produttivo.
Il nostro ufficio tecnico consiglia di valutate sempre la situazione lavorativa in modo critico insieme al responsabile per la sicurezza, chiedendovi :

  • Lavoro in uno spazio limitato con poca o senza ventilazione?
  • Che tipo di metalli sto saldando?
  • I pezzi da lavorare sono puliti o imbrattati da sostanze chimiche?
  • Il mio sistema di aspirazione funziona correttamente?
  • C’è qualche flusso di aria prevalente che posso sfruttare oppure che disturba l’aspirazione?
  • Devo indossare la mascherina o altri dispositivi di protezione individuale?

Le risposte alle domande sopra vi porteranno nella giusta direzione, ovvero nel migliorare l’ambiente di lavoro riducendo al massimo i rischi per tutte le persone coinvolte.

Contattaci per una consulenza o un preventivo gratuito.

 

Fonti e riferimenti utilizzati per questo articolo:

Video


rapida aspirazione localizzata

banco aspirante