Photogalleryinfo@gammaimpianti.com+39 0114502031

I bisogni relativi alla sicurezza variano a seconda della tipologia di lavoro svolta: sappiamo riconoscerli?

impianti aspirazione fumi 4.0 iper ammortamento 2019
16 febbraio 2019

Impianti aspirazione fumi per rispettare le normative

Gli impianti aspirazione fumi sono di fondamentale importanza  all’interno di un’attività professionale e soprattutto sono richiesti dal punto di vista normativo in relazione alla conformità dei luoghi di lavoro come indicato al titolo II del D.Lgs. 81/2008 ed al rispetto dei principi generali di prevenzione (riferimento normativo: art. 63 comma 1, art. 64 comma 1 lett. a) – Allegato IV – Artt. 15 -18 – 224 del D.Lgs. 81/08).

Infatti gli impianti aspirazione fumi sono tra le adozioni obbligatorie delle misure previste nell’allegato IV, in quanto riguardano requisiti minimi dell’ambiente di lavoro.

In particolare, occorre assicurare  la ventilazione generale coordinandola con gli impianti aspirazione fumi localizzati, assicurando il reintegro con apporto di aria salubre dall’esterno ed evitando interferenze tra questi sistemi.

Le particelle inquinanti che si sprigionano negli ambienti di lavoro sono difficilmente gestibili e pericolose per la salute di chi le respira.

A seconda della tipologia di lavoro e dal materiale utilizzato i rischi sono diversi, ed è importante individuarli sia per ottimizzare gli investimenti, sia per intervenire con la soluzione più idonea alla propria azienda.

Per una corretta autodiagnosi è fondamentale porsi alcune domande:

  • La ventilazione all’interno del mio ambiente di lavoro è adeguata?
  • Che tipo di materiali sto lavorando?
  • I pezzi da lavorare sono coperti da solventi o sgrassanti?
  • C’è qualche flusso di aria che posso sfruttare?
  • È necessario indossare appositi DPI?

Come progettiamo gli impianti aspirazione fumi

Il nostro ufficio tecnico per progettare un impianto di aspirazione fumi segue un percorso tecnico consolidato negli anni garanzia di risultato per il nostro cliente, suddiviso in diverse fasi :

– vengono definite le fasi del ciclo produttivo nelle quali sono presenti le emissioni e per le quali sono richiesti gli impianti aspirazione fumi. In molti casi le problematiche non sono visibili ad occhio nudo ma vengono segnalate da odori, polveri e nebbie. Quando invece gli inquinanti hanno un diametro superiore a 10µm sono visibili  in concentrazione superiore a 10 mg/m3.

– insieme al responsabile produzione o il referente localizziamo il punto di emissione, individuandone  la tipologia  in modo da scegliere il corretto punto di captazione dell’impianto di aspirazione in riferimento alla posizione tipica dei lavoratori; anche se non vi si posizionano stabilmente i lavoratori, occorre rilevare il punto in cui avviene l’eventuale evaporazione in ambiente di solvente o altre emissioni dopo la lavorazione (ad esempio, incollaggio, verniciatura, saldatura);

– a seconda del tipo di materia prima e a lavorazione vengono definite  le caratteristiche fisiche dell’emissione (fase, velocità, temperatura);

– in caso di aspirazione fumi o esalazioni di agenti chimici infiammabili o esplosivi, teniamo conto conto nella progettazione dell’impianto di aspirazione delle normative sulle atmosfere esplosive (ATEX) ;

Gli elementi più importanti dell’impianto di aspirazione, ai fini dei controllo dell’esposizione dei lavoratori, sono la cappa e il ventilatore: la cappa ha il compito di raccogliere l’inquinante prodotto alla sorgente, mentre il ventilatore deve creare la portata e la prevalenza necessarie alla captazione ed al trasporto all’esterno degli inquinanti.

La corretta captazione negli impianti aspirazione fumi

Per captare correttamente  gli inquinanti  è fondamentale una progettazione corretta delle cappe e dei sistemi di aspirazione. La velocità di captazione  ottimale dipende da fattori ambientali e dal tipo di inquinante. Le particelle grandi emesse ad alta velocità come quelle di molatura sono più difficili da catturare mentre gas, fumi e particelle piccole e a bassa velocità come quelle di saldatura seguono più facilmente il movimento dell’aria. La cappa deve essere posizionata il più vicino possibile al punto di emissione e deve chiudere il più possibile il punto di emissione senza ostacolare il processo produttivo.

L’aspirazione dei fumi dall’alto è idonea solo in caso di emissioni da processi a caldo e soprattutto a condizione che il flusso non intercetti le vie aeree dell’operatore; in questo caso la dimensione della cappa deve essere calcolata in funzione della distanza tra sorgente e cappa.

Impianti di aspirazione fumi, ricircolo dell’aria in ambiente

Il ricircolo dell’aria consiste nella captazione, nella depurazione e nella reimmissione nell’ambiente confinato di aria in origine inquinata.
Negli ambienti industriali il ricircolo può essere ammissibile solo per limitati e selezionati processi o lavorazioni.
Il ricircolo non è mai ammesso quando nell’aria inquinata siano presenti sostanze cancerogene o sospette cancerogene o allergizzanti per le quali non sono configurabili livelli di soglia, quindi l’impianto di aspirazione  dovrà espellere all’esterno, previa depurazione se necessaria, gli inquinanti convogliati.

Contatta il nostro ufficio tecnicoper una consulenza o un preventivo di un impianto aspirazione fumi

 

Fonti :

Wikipedia aspirazione fumi

Punto sicuro, rischio chimico e aspirazioni localizzate

associazione americana degli igienisti industriali (ACGIH)

Photogallery